Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Materiali

Fra-Ber lancia il nuovo shop e i corsi per la linea Innovacar dedicata al detailing

Immagine
La parola  detailing  nasce dall’inglese  details , dettagli, e rappresenta  l'arte che punta al risanamento e al rinnovamento delle auto , un procedimento che negli ultimi anni si è imposto al di là di qualsiasi aspettativa fra gli amanti dei motori.  Fra-Ber  da qualche anno ha dedicato a questa nuova tendenza una linea di prodotti denominata  Innovacar  che ha riscosso un incredibile successo. Dato il clamore suscitato, a questi prodotti e a tutto il mondo che intorno vi gravita, Fra-Ber ha riservato un sito e-commerce tutto nuovo ed esclusivo capace di raccogliere i desideri e le fantasie di coloro che vivono la propria passione in maniera assolutamente travolgente e fuori dalle righe. Il sito  www.innovacar.it è online da mercoledì 8 Settembre ed è disponibile in doppia lingua: italiano e inglese. Un sito completamente rivolto al mondo del detailing nel quale conoscere a pieno la filosofia e l’immagine giovane del brand Innovacar rafforzando in questo modo il rapporto tra p

Skoda e i materiali ecologici per gli interni

Immagine
In collaborazione con la Technical University di Liberec , il Dipartimento di Sviluppo Tecnologico di Skoda Auto ha sviluppato un materiale sostenibile ed ecologico e ne ha richiesto il brevetto. L’innovativa materia prima deriva dalla polpa della barbabietola da zucchero .  Skoda Auto  sta lavorando anche allo sviluppo di un altro materiale basato sul miscanto . Entrambi i materiali potrebbero essere utilizzati negli interni dei futuri modelli di  Skoda Auto , per esempio negli inserti delle portiere e della plancia. Attraverso un esemplare di Skoda Octavia costruito appositamente,  Skoda Auto  ha dimostrato le tante applicazioni dei nuovi materiali. Johannes Neft , Membro del Board di Skoda Auto per lo Sviluppo Tecnico , si è così espresso: " Il nostro obiettivo è essere pionieri nel campo della sostenibilità. Approcciamo la questione da un punto di vista olistico, andando ben oltre le semplici emissioni di  CO 2  dei nostri veicoli e concentrandoci anche sul possibile utilizz

Volkswagen ID. LIFE, il design degli interni

Immagine
Il principio dell'essenzialità nella configurazione dà vita a soluzioni innovative anche nell'abitacolo della Volkswagen ID. LIFE . La forma e la scelta dei materiali, ispirate al moderno design degli arredamenti, vengono volutamente limitate a poche varianti. Una cornice di rivestimento in vero legno che segue perfettamente la linea delle forme, in cui l'andamento delle venature si rifà ai contorni dei singoli componenti, unisce la plancia al parabrezza, cingendo anche il sedile posteriore e il lunotto. La simmetria delle due cornici in legno regala un aspetto armonioso. L'atmosfera tranquilla e accogliente è il risultato anche dell'estetica abbinata delle superfici di seduta e dei rivestimenti delle porte nella versione Artvelours Eco e del colore Mistral con cuciture decorative in Ceramique . I poggiatesta e i braccioli con tastiera sono tutti realizzati con un tessuto dalla trama semplice.  La vernice scura Rubber Paint utilizzata per la zona di accesso e la

Mazda, intervista a Maria Greger

Immagine
Maria Greger ha visto cambiare molte cose da quando è entrata in Mazda nel 1995 . Prima di andare in pensione quest’anno, la Responsabile di Colori e Materiali nel Centro Europeo di Design Mazda , con alle spalle oltre un quarto di secolo di progetti per gli abitacoli, condivide le sue idee su tendenze del colore, mobilità del futuro e sulla considerazione che Mazda ha per l’artigianalità. Ecco cosa ci ha raccontato. Nell'immagine qui sopra, Maria Greger , Responsabile di Colori e Materiali nel Centro Europeo di Design Mazda . Come si fa a creare nell’abitacolo di un’auto uno spazio accogliente e di design?  Con la qualità e la competenza. Come azienda giapponese, Mazda adora l’importanza posta tradizionalmente in Giappone sull’artigianalità. Si tratta di una meticolosa attenzione ai dettagli. Al giorno d’oggi, dobbiamo abituarci al fatto che le superfici in abitacolo stanno scomparendo. Dove prima c’erano il cruscotto e la consolle centrale con interruttori e manopole, ora abb

Volkswagen ID. LIFE, il design degli esterni

Immagine
Il design della Volkswagen ID. LIFE punta decisamente su sostenibilità e digitalizzazione. Si può subito notare come la forma plasmi il carattere di questa due volumi a cinque porte per il segmento B . Le proporzioni vigorose e le linee essenziali reinterpretano il tipico aspetto dei modelli crossover di questa classe di veicoli. La carrozzeria dalla configurazione monolitica non presenta alcuna decorazione né parte applicata, sottolineando così sin da subito la sostenibilità del concetto di vettura. La linearità strutturale degli esterni è anche il risultato della ripartizione orizzontale fra carrozzeria, superfici vetrate e tetto. Nella realizzazione del cofano anteriore e del tetto viene utilizzato un tessuto a doppio strato con camere d'aria fissato alla carrozzeria tramite chiusure zip, che all'occorrenza può essere rimosso. Questa innovativa soluzione regala al design degli esterni della  Volkswagen ID. LIFE  una personalità particolare e consente di scegliere motivi e

Continental SportContact 7

Immagine
Il pneumatico Continental SportContact 7  debutta con tre nuovi dettagli tecnici: un design adattivo del battistrada , che si adegua a fondi stradali asciutti e bagnati, con una sua configurazione specifica per dimensione per offrire il massimo piacere di guida su qualsiasi veicolo e la mescola BlackChili che è formulata in modo ottimizzato per adattarsi all'aderenza del profilo asimmetrico. In questo modo, Continental ha sviluppato uno pneumatico sportivo per ridefinire gli standard di prestazione e per ispirare grande fiducia nelle caratteristiche di guida. È il nuovo fiore all'occhiello dei pneumatici per autovetture. " L’obiettivo del nostro sviluppo era avere il miglior pneumatico estivo sportivo sul mercato per ogni classe di veicolo ", ha dichiarato dichiara Burkhard Wies , Responsabile Ricerca e Sviluppo Passenger Tire Replacement di Continental a livello internazionale . " Questo ha permesso di ottenere uno stile di guida molto più efficace su strada

2001 Opel Astra Cabrio

Immagine
Venti anni fa, nel 2001 , faceva la sua apparizione sul mercato la versione Cabrio di Opel Astra-G . Erede di una grande tradizione di cabriolet di successo come le precedenti Opel Kadett-F Cabrio ( 1987 ) e Opel Astra-F Cabrio ( 1993-99 ), vendute in oltre 100.000 esemplari, era costruita anch'essa nello stabilimento Bertone di Grugliasco ( Torino ). Il nuovo modello era una slanciata convertibile a 2 porte dotata di capote azionabile elettricamente tramite un pulsante. Un telecomando, fornito a richiesta, semplificava ulteriormente l'apertura e la chiusura della capote stessa.  L'ampia dotazione di serie faceva sì che la nuova Opel Astra Cabrio si prestasse ad un utilizzo anche quotidiano. La vettura disponeva infatti di 4 comodi posti , un abitacolo molto spazioso, un grande bagagliaio, sospensioni sportive a geometria DSA ( Dynamic SAfety ) e 3 brillanti ed economici motori ECOTEC a 4 valvole per cilindro . Al vertice della gamma di motorizzazioni c'era un 2.

Lamborghini Aventador LP 700-4 e l'uso del carbonio

Immagine
La Lamborghini Aventador LP 700-4 , con la sua monoscocca in carbonio, inedita sino ad allora nelle supercar del Toro, ha consolidato la leadership di Lamborghini nella produzione e nello sviluppo di materiali compositi, rendendo la casa di Sant’Agata la prima azienda a riuscire a produrre in casa e in numero elevato elementi così importanti in carbonio . Sopra, una delle fasi della produzione della struttura in carbonio della Lamborghini Aventador. La monoscocca in carbonio della Lamborghini Aventador LP 700-4 , costruita utilizzando diverse tecnologie a brevetto Lamborghini , è di tipo integrale e riunisce in un'unica struttura la cellula-abitacolo, il pianale e il tetto della vettura ed assicura un’altissima rigidità strutturale. Unita ai due telaietti in alluminio, anteriore e posteriore, costituisce una soluzione ingegneristica di elevata rigidità strutturale con una massa totale estremamente ridotta, pari a soli 229,5 kg . Nella versione Roadster della Aventador il tetto

Volkswagen utilizza la stampa 3D per la produzione delle automobili

Immagine
Volkswagen promuove l’uso di innovative stampanti 3D nella produzione automobilistica. Per la prima volta, un processo avanzato, conosciuto come getto di legante , viene utilizzato per realizzare componenti nello stabilimento principale di Wolfsburg , in Germania . Mentre le stampanti 3D convenzionali utilizzano un laser per costruire i componenti strato dopo strato da una polvere metallica, il getto di legante adotta un adesivo . Il componente metallico che ne risulta viene poi scaldato e modellato. L’utilizzo del getto di legante riduce i costi e aumenta la produttività: per esempio, i componenti pesano solo la metà di quelli realizzati a partire da fogli di acciaio.  Oggi, Volkswagen è l’unico costruttore di auto a utilizzare questa tecnologia di stampa 3D nel processo di produzione. " Nonostante le difficoltà causate dalla pandemia da coronavirus, continuiamo a lavorare sull’innovazione ", dichiara il Membro del Consiglio di Amministrazione della marca Volkswagen per l

Il grasso dielettrico, cos'è e perché è così importante?

Immagine
Già noto ai tempi in cui le iniezioni elettroniche non esistevano e quando molta della tecnologia elettronica oggi presente sulle nostre auto era solo fantascienza, il grasso dielettrico è sempre stato uno di quei componenti che non poteva mancare nella cassetta degli attrezzi di un operatore del settore. Ma cos'è questo componente che potete trovare a pochi euro in qualsiasi negozio di attrezzature e che svolge un'azione cosi importante? Il grasso dielettrico è, come dice il suo nome, un componente lubrificante con comportamento dielettrico , ovvero un grasso che lubrifica ma allo stesso tempo funge da isolante elettrico . Le applicazioni del grasso dielettrico , quindi, sono numerosissime. Concludere qui il discorso, però, sarebbe un errore. Il grasso dielettrico, infatti, ha anche altre caratteristiche molto interessanti. Per esempio, un buon grasso dielettrico è in grado di gestire cicli termici che vedono il raggiungimento di temperature elevate. Quando presente sui com

Olitema, i lubrificanti motore di Foundry Alfe Chem

Immagine
Specializzata in lubrificanti per l’industria, l’azienda italiana Foundry Alfe Chem  ha presentato Olitema : la sua prima linea di oli motore sviluppati e realizzati in Italia per le due e quattro ruote. Una gamma articolata di prodotti ad alte prestazioni sviluppata e realizzata in Italia con basi naturali e biodegradabili. Dall’esperienza di Foundry Alfe Chem nella lubrificazione dei processi industriali, nasce nel 2020 l’idea di utilizzare le componenti biologiche adottate nei fluidi per la lavorazione dell’alluminio e per la fonderia, anche per realizzare le basi dei lubrificanti della nuova linea Olitema destinata all’automotive. Dopo oltre dieci anni di sviluppo, sperimentazione e commercializzazione nelle più impegnative condizioni della lubrificazione di macchinari in ambito industriale, questi biopolimeri , realizzati tramite processi di sintesi da basi naturali provenienti dalle coltivazioni sostenibili presenti in Puglia, hanno raggiunto un livello qualitativo e una stabil

Freni, il fenomeno del vapour lock

Immagine
Il cedimento delle prestazioni di un impianto frenante può manifestarsi in diversi modi: surriscaldamento , fenomeno di fading e usura delle guarnizioni frenanti . Tra quelli citati, non abbiamo inserito il vapour lock , perché ne parleremo brevemente in questo articolo. Il vapour lock è uno dei fenomeni più insidiosi e pericolosi che possono manifestarsi a carico di un impianto freni. Per parlare di vapour lock è doverosa una piccola premessa tecnica che spieghi l'importanza del liquido dei freni . Quest'ultimo, ottenuto come unione di prodotti differenti, solitamente di origine sia organica , sia sintetica , trasmette la pressione esercitata dal conducente sul pedale del freno, attraverso apposite tubazioni, al sistema frenante che opera direttamente in prossimità delle ruote. La trasmissione della pressione utilizza, in questo caso, le proprietà idrauliche del fluido , il quale può ritenersi , per l'applicazione che stiamo esaminando , fondamentalmente incomprim

Articoli popolari

La storia di Jujiro Matsuda e la nascita di Mazda Motor Corporation

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

2021 Audi Q3 e Audi Q3 Sportback sono disponibili con nuovi allestimenti

I proiettori Ford, tecnologia di ultima generazione per una guida notturna sempre più sicura

2020 Ford Puma Titanium X 1.0 Ecoboost Hybrid 125 CV, il meglio di ogni mondo

Il motore General Motors Cross-Fire V-8, una storia travagliata

Ford Focus, è arrivata la nuova versione

Volkswagen Polo, una storia da raccontare

Volani a doppia massa con sistema a pendolo centrifugo

Fra-Ber lancia il nuovo shop e i corsi per la linea Innovacar dedicata al detailing