Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Infrastrutture

Volvo Car Group rileva la proprietà dello stabilimento di Luqiao da Geely Holding

Immagine
Volvo Car Group ha raggiunto un accordo con la sua Casa madre, Geely Holding , per l'acquisizione della piena proprietà dell'impianto di produzione di Luqiao in Cina , e il consolidamento dello stabilimento all'interno delle sue attività. A seguito di precedenti accordi tra le due parti, questo trasferimento implica che entro i prossimi due anni Volvo Cars deterrà la piena proprietà di tutti gli stabilimenti che producono le sue auto. La capacità produttiva dello stabilimento sarà interamente a disposizione di Volvo Car Group , il che rafforzerà ulteriormente la posizione della Casa automobilistica in Cina , il suo più grande mercato. Inoltre, il trasferimento rende più chiara la struttura proprietaria sia di Volvo Car Group , sia di Geely Holding .  L'impianto di produzione, che dalla sua inaugurazione nel 2017 è stato di proprietà di Geely Holding con il supporto operativo di Volvo Cars , continuerà a produrre la Volvo XC40 , la  Volvo XC40 Recharge completamente

Le strutture del Centro Sicurezza Fiat

Immagine
Per lo svolgimento delle sue attività istituzionali, il Centro Sicurezza Fiat disponeva di impianti di vario tipo. Un terzo circa della superficie del Centro Sicurezza Fiat era occupata dalle piste per le prove d'urto , 8 in totale , le principali delle quali erano, al tempo, le più lunghe ( 420 m ) e veloci esistenti: vi si raggiungevano velocità d'urto contro barriera rispettivamente di 100 km/h con autocarri e di 140 km/h con autovetture. Le piste si sviluppavano in parte all'aperto e in parte al coperto, lungo due direttrici principali, e confluivano in un vasto piazzale, dove venivano effettuate le prove di collisione angolata. Le piste coperte consentivano un'attività continuativa, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche. Oltre alle prove d'urto contro barriera (piana, angolata o con ostacolo aggiuntivo in rilievo, come per esempio un palo) il complesso delle piste offriva la possibilità di effettuare qualsiasi altro tipo di prova: collisione fronta

Auto elettrica, i dubbi degli italiani

Immagine
Ecco le conclusioni dell' Osservatorio Continental Mobilità e Sicurezza : oltre un italiano su due sarebbe interessato ad acquistare un’auto elettrica, ma il 43,9% è frenato dall’elevato costo. Gli incentivi al momento non sono sufficientemente percepiti dai consumatori. Tre su quattro dichiarano di riconoscere un’auto elettrica e ibrida, ma solo il 47% sa cos’è un veicolo ibrido plug-in . L’Italia è in ritardo nella diffusione dell’auto elettrica e si presenta segmentata da fattori socio-demografici e culturali. È necessario che i protagonisti dell’ecosistema della mobilità si alleino per il cambiamento. Dal 2035 l’Europa dirà addio alle auto endotermiche per far posto a quelle elettriche con la messa al bando dei motori diesel e benzina. L’obiettivo primario dichiarato dell’ Unione Europea di ridurre le emissioni di  CO 2  almeno del 55% è ormai alle porte: la strada dell’elettrico sembra già tracciata. Ma gli italiani sono pronti a questo cambiamento? Sono

Dal Laboratorio Sicurezza Fiat al Centro Sicurezza Fiat

Immagine
Con il passare degli anni e l'evolversi delle tecnologie anche il Laboratorio Sicurezza Fiat necessitò di ampliamenti e trasformazioni. Fu così che Fiat decise di costruire una nuova struttura, il Centro Sicurezza Fiat . Inaugurato nel maggio del 1976 , il Centro Sicurezza Fiat testimoniò l'impegno di Fiat nel campo della sicurezza degli autoveicoli. Fu infatti uno dei più grandi e meglio attrezzati al mondo, il maggiore in Europa. Il centro sorse ad Orbassano , a pochi chilometri da Torino , su un'area di 110.000  m 2  e impiegò 80 persone tra ingegneri e tecnici specialistici . Operò nell'ambito della Direzione Tecnica di Fiat Auto , ma al suo interno si effettuavano ricerche e sperimentazioni per tutti i settori autoveicolistici del Gruppo Fiat e, in alcuni casi, anche per conto di enti esterni. L'attività del Centro Sicurezza Fiat si svolgeva su livelli differenti. Vi era innanzitutto una ricerca di lungo periodo, volta ad approfondire argomenti al momento

1966, la nascita del Laboratorio Sicurezza di Mirafiori

Immagine
Fiat , nel 1966 , era all'avanguardia nel perseguimento di una sempre maggiore sicurezza delle sue automobili e si stava occupando di queste tematiche da più di trent'anni. Già nel 1961 , infatti, l' Ing. Dante Giacosa , allora Direttore della Progettazione , aveva sottolineato: " Credo che si possa dire che la sicurezza nasce da un buon progetto e da una buona costruzione, si mantiene sulle buone strade e finisce con il cattivo guidatore. I compiti dell'ingegnere dell'automobile si limitano ad una parte del problema, ma sono fondamentali. È inammissibile, infatti, che esistano dei dubbi sulla sicurezza funzionale degli autoveicoli che affollano le strade. Intendendo con il termine sicurezza indicare non solo la sensazione di poter usare senza alcun pericolo le nostre automobili, ma la effettiva riduzione del pericolo ". Questo concetto anticipava sia le strategie Fiat in questo campo, sia quanto sarebbe nato successivamente con la ristrutturazione e l&#

Ecomotive Solutions e Cubogas insieme per il rifornimento di gas naturale e biometano da colonnina in ambito privato

Immagine
È in fase di avvio un innovativo progetto per la diffusione di nuove soluzioni di mobilità sostenibile che consentano il rifornimento smart e l’ottimizzazione dei consumi di autovetture e veicoli commerciali leggeri alimentati a gas naturale e biometano . In linea con la sua mission, Ecomotive Solutions , attiva nel settore delle propulsioni e dei combustibili alternativi, ha riconosciuto nei FuelMaker di Cubogas , società controllata da Snam4Mobility e tra i leader di mercato in soluzioni tecnologiche per la distribuzione di gas naturale e biometano , dispositivi che consentono di rifornire in ambito privato i veicoli a CNG ( gas naturale compresso ) e Bio-CNG in totale autonomia, un valore aggiunto per il proprio percorso di crescita nel settore della mobilità a basse emissioni. La partnership consentirà di offrire una nuova soluzione di rifornimento agli utenti, in particolare flotte aziendali private e pubbliche, che scelgono i suddetti combustibili alternativi e sostenibili

Il Porsche Experience Center Franciacorta

Immagine
Porsche Italia ha inaugurato il Porsche Experience Center Franciacorta , un complesso di 60 ettari dove la passione per la Casa di Zuffenhausen si esprime in una serie di spazi in grado di coinvolgere ogni tipo di pubblico, dai clienti agli appassionati, dalle aziende alle famiglie, riservando ad ognuno il piacere di vivere il mondo Porsche da protagonista. La cerimonia di inaugurazione si è svolta lo scorso 11 settembre, un giorno simbolico per Porsche e per tutti gli appassionati della Marca, (11 settembre, 9 come settembre e 11 per il giorno, ovvero 911), alla presenza, fra gli altri, di Oliver Blume , Presidente del Consiglio di Amministrazione di Porsche AG , Detlev von Platen , Membro del Consiglio di Amministrazione Vendite e Marketing di Porsche AG e Mark Webber , Brand Ambassador Porsche . "Siamo davvero orgogliosi di avere un Porsche Experience Center nel nostro Paese", ha sottolineato  Pietro Innocenti , Amministratore Delegato di Porsche Italia . " In It

Progetto C-Roads Italy, supporto alla guida connessa e autonoma di Livello 3

Immagine
Il CRF ( Centro Ricerche del gruppo Stellantis) ha partecipato a " C-Roads Italy: i sistemi cooperativi C-ITS al servizio della mobilità stradale diventano realtà" , la conferenza organizzata da Autostrada del Brennero che si è svolta qualche giorno fa presso il Centro Congressi Interbrennero a Trento . Questo progetto, realizzato con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Italiano insieme ad altri partner, fa parte di una pianificazione più ampia co-finanziata dalla Commissione Europea . La conferenza ha presentato i risultati raggiunti dal progetto C-Roads Italy , congiuntamente alla piattaforma europea C-Roads , nel contesto italiano ed europeo.  Si è dato evidenza di ciò che è stato realizzato per lo sviluppo e l’implementazione di Cooperative Intelligent Transport Systems ( C-ITS ) armonizzati ed interoperabili che permettono la comunicazione tra i veicoli e con l’infrastruttura stradale delle Smart Roads in tutta Europa , comunicazione conosciuta anche

Opel e il circuito dell'Avus

Immagine
Opel ha fatto la storia sul circuito berlinese dell’ Avus . Cento anni fa, Fritz von Opel vinse la gara inaugurale disputata sull’ Automobil-Verkehrs-und Uebungsstraße della capitale tedesca. Opel prevalse anche nell’ultima corsa organizzata su questo famoso circuito: Stefan Kissling concluse l’epoca delle competizioni sportive su quella che oggi è l’ autostrada urbana A115 con una doppia vittoria nelle due prove della German Touring Car Challenge . Nei suoi 77 anni di esistenza, l’ Avus , come molti circuiti, è stato lo scenario di tragedie e trionfi. A Berlino , Opel festeggiò grandi momenti, il più famoso dei quali è sicuramente la corsa dei record della Opel RAK 2 . Al volante di questa vettura con propulsione a razzo, c’era il temerario Fritz von Opel , che si conquistò il nomignolo di Raketen-Fritz ( Fritz uomo razzo ). Per l’ Avus fu prevista una doppia funzione già nella fase di progettazione, che iniziò nel 1909 . Da un lato, il tratto stradale fu concepito come una p

Le innovazioni tecniche firmate Audi

Immagine
Audi space frame, trazione quattro , proiettori Audi Matrix LED e svariati brevetti inerenti la mobilità elettrica: le innovazioni tecniche firmate Audi sono molteplici e l’elenco è destinato ad allungarsi notevolmente in futuro. Oliver Hoffmann , Membro del Board per lo sviluppo tecnico di AUDI AG , ha anticipato alcuni highlight. " Nell’era della new mobility, Vorsprung non significa solamente propensione all’eccellenza ingegneristica, design all’avanguardia ed elevata digitalizzazione. Non ragioniamo solamente in termini di veicoli. In futuro, l’attenzione sarà rivolta a soluzioni globali, in grado di spaziare dalla gestione dell’ultimo miglio all’infrastruttura di ricarica" . Nell'immagine qui sopra, l' Audi A6 e-tron concept . Con il progetto Audi DNA , Hoffmann intende porre un forte accento sulle innovazioni più tangibili, per esempio il contenimento dell’angolo di sterzata, la riduzione dello sforzo al volante e il miglioramento dell’acustica, così da offr

Articoli popolari

La storia di Jujiro Matsuda e la nascita di Mazda Motor Corporation

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

2021 Audi Q3 e Audi Q3 Sportback sono disponibili con nuovi allestimenti

I proiettori Ford, tecnologia di ultima generazione per una guida notturna sempre più sicura

2020 Ford Puma Titanium X 1.0 Ecoboost Hybrid 125 CV, il meglio di ogni mondo

Il motore General Motors Cross-Fire V-8, una storia travagliata

Ford Focus, è arrivata la nuova versione

Volkswagen Polo, una storia da raccontare

Volani a doppia massa con sistema a pendolo centrifugo

Fra-Ber lancia il nuovo shop e i corsi per la linea Innovacar dedicata al detailing