Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta I personaggi

CITROËN e Asterix

Immagine
CITROËN , PATHÉ , TRÉSOR FILMS  e le EDITIONS ALBERT RENÉ  hanno annunciato la loro collaborazione nel film Asterix & Obelix: Il Regno di Mezzo . Prodotto da  PATHÉ ,  TRÉSOR FILMS  e LES ENFANTS TERRIBLES e diretto da Guillaume Canet , questo lungometraggio arriverà nelle sale italiane il 2 febbraio 2023 . Per  CITROËN  è un nuovo tipo di collaborazione, con la creazione e la costruzione di un carro concept appositamente per le esigenze di questo film. Una sfida senza precedenti. Coinvolte in questo progetto fin dall'inizio, le equipe dello stile di  CITROËN  hanno realizzato questo tour de force in tre mesi, mentre il tempo che intercorre tra lo schizzo e la realizzazione di un concept è solitamente di un anno. " L'incontro tra queste due leggende della cultura francese non poteva che essere straordinario. Le équipe di  CITROËN  e le equipe cinematografiche di Asterix hanno lavorato insieme con reciproco rispetto fin dall'inizio. Abbiamo avuto l'incredibi

L'evoluzione dei quattro anelli Audi

Immagine
Da oltre 50 anni , il claim Vorsprung durch Technik  (il vantaggio attraverso la tecnologia , meglio noto nel nostro paese come All'avanguardia della tecnica ) identifica la costante propensione del Brand verso l’eccellenza. Un approccio che Audi sottolinea attraverso un design innovativo. In quest’intervista, il designer André Georgi e il brand strategist Frederik Kalisch spiegano cosa rappresenti per Audi l’evoluzione dei quattro anelli , portata al debutto da nuova Audi Q8 e-tron . I quattro anelli sono l’emblema del marchio Audi. Perché questo cambiamento?   Frederik Kalisch : quale Brand premium, Audi si rivolge a clienti che apprezzano il design e l'attenzione ai dettagli. Oggi, vi sono solo due trend stilistici in grado di identificare la premiumness tanto nella rappresentazione del Marchio quanto nella definizione del design dei prodotti: da un lato la forza e l'audacia, dall'altro la sobrietà, la purezza e la pulizia .  André Georgi : l'approccio pur

RENAULT 5, incontro con i collezionisti dell'associazione AIR-5

Immagine
Andare a sciare con la RENAULT 5 , utilizzarla per gli spostamenti quotidiani o portarla ai raduni degli appassionati per tutta Europa : sono queste le avventure che vivono i membri dell’ Association Internationale Renault 5 ( AIR-5 ), che riunisce gli appassionati dell’iconico modello che, quest’anno, festeggia il 50° compleanno . Per scoprire una collezione fuori dal comune e un’amicizia che va oltre i confini dell’automobile, bisogna andare nella regione di Orléans , in Francia . Oltre sessanta RENAULT 5 di tutti i tipi sono disposte tutte in fila in un hangar di 1.000 m² . È qui che si custodiscono e costruiscono i migliori ricordi di un gruppetto di sei amici. Nell’officina in cui Matthieu , Benjamin , Virginie , Cédric , Nicolas ed Eric condividono una collezione di oltre sessanta  RENAULT 5 , di tutti i colori e le versioni, si respira un’atmosfera anni '80. Da una delle prime  RENAULT 5  del 1972 , arancione, com’è giusto che sia, alla mitica sportiva  RENAULT 5   Turbo

RENAULT Mégane E-TECH Electric, più spazio in abitacolo grazie all'architettura del motore elettrico

Immagine
Marc Yvetot , esperto di architettura delle piattaforme presso la Direzione Ingegneria di RENAULT , ha spiegato come la creatività degli ingegneri  RENAULT  abbia contribuito all’abitabilità e al design essenziale dell’abitacolo di RENAULT Mégane E-TECH Electric . Qual era, infatti, l’obiettivo degli architetti della piattaforma di nuova RENAULT Mégane E-TECH Electric ? Migliorare l’abitabilità senza intaccare il volume esterno, per poter preservare la compattezza del veicolo. E per raggiungere l'obiettivo, hanno pertanto dovuto introdurre innovazioni per liberare spazio nell’abitacolo e consentire al design di esprimersi creando la plancia più essenziale possibile. Marc Yvetot , a tal proposito, così si è espresso: " Abbiamo deciso di spostare una parte dei componenti del blocco riscaldamento e climatizzazione nell’area tradizionalmente dedicata al motore e alle sue parti periferiche. Questo è stato reso possibile dall’architettura tipica del motore elettrico, molto più compa

CITROËN BX, 40° anniversario

Immagine
La CITROËN BX ha una storia ricca e inaspettata nell’epopea di CITROËN e dell'automobile, che riflette il successo commerciale ottenuto nei suoi 12 anni di vita. Oggi, naturalmente, ha un posto speciale nel cuore degli automobilisti e dei collezionisti, che non mancheranno di festeggiare con entusiasmo il suo 40° anniversario . Per l'occasione, gli esperti dell'associazione L' Aventure  CITROËN  hanno invitato tutti gli appassionati a riscoprire la  CITROËN BX  sabato 24 settembre presso il Conservatoire  CITROËN BX  di Aulnay-sous-Bois . 23 settembre 1982 . Al calar della sera, una folla immensa si assiepò nei giardini di Champ de Mars , con lo sguardo rivolto al primo piano della Torre Eiffel dove si trovava, sospesa, una gigantesca cassa di legno con la scritta Voilà la nouvelle  CITROËN . In un vertiginoso spettacolo di luci e suoni, la cassa venne calata verso terra dove fu finalmente aperta per svelare la  CITROËN BX , che iniziò così la sua favolosa carriera,

O.S.C.A., la storia continua

Immagine
O.S.C.A. affonda le sue radici agli albori del motorismo, a cavallo tra il 1800 ed il 1900, quando Carlo Maserati progettò e costruì un suo motore per motocicli. Carlo , purtroppo, morì molto giovane, ma nel 1914 Alfieri fondò, a Bologna, le Officine Alfieri Maserati , che divennero, grazie al genio di Alfieri in una prima fase, dato che anche lui morì precocemente nel 1932, e a quello di Ernesto successivamente, una casa automobilistica capace di riportare vittorie in tutto il mondo, come per esempio la 500 Miglia di Indianapolis , vinta per ben due anni consecutivi, nel 1939 e nel 1940 . Nell'immagine qui sopra, l' Ing. Alfieri Maserati  a bordo della Maserati 8CTF 3.000  cm 3  con compressore, numero di telaio 3002 , vittoriosa a  Indy con Wilbur Shaw  e oggi al Museo di Indianapolis .  I fratelli Maserati , Bindo , Ernesto ed Ettore , che avevano dato seguito all’attività avviata da Alfieri , dopo aver venduto nel 1937 , all’avvicinarsi della Seconda Guerra Mondia

PAGANI UTOPIA

Immagine
" Più di quattromila disegni stilistici, dieci modelli in scala, un modello per la galleria del vento, due modelli in scala 1:1 e innumerevoli idee, ricerche e sperimentazioni su otto prototipi completi per un lavoro di team durato più di sei anni. Ci abbiamo messo la passione, lo sforzo ed il sacrificio, nell’intento di creare qualcosa senza tempo e all’avanguardia della tecnologia. Dopo essere stato completamente assorbito da questo faticoso processo creativo, l’ideale rappresentato dal progetto è divenuto per me talmente intimo che qualsiasi tentativo di descriverlo mi sarebbe sembrato inadeguato. Quasi per caso ritrovai un vecchio articolo di Robert Puyal , in cui descriveva la prima PAGANI ZONDA nel 1999 in modo sorprendentemente perspicuo, seguendo un principio di semplicità ed eleganza analogo a ciò che ho ricercato dal primo giorno nel nuovo progetto. È così che ho suggerito ai colleghi della comunicazione di invitarlo perché raccontasse lui stesso questa nuova tappa del

Articoli popolari

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

Ecco come riconoscere il malfunzionamento della valvola EGR

Il grado termico di una candela e i parametri del motore legati ad esso

Audi adegua l'intera gamma alla normativa Euro 6 d-ISC-FCM superando il ciclo WLTP 3.0

Il funzionamento della valvola by-pass o blowby nei motori turbo, spesso definita anche valvola pop-off

Continental PremiumContact 6 e CrossContact RX per Kia EV6

2020 Ford Puma Titanium X 1.0 Ecoboost Hybrid 125 CV, il meglio di ogni mondo

Il motore Honda B16 e il sistema VTEC

Motori V-8: albero motore piatto vs albero motore con perni di manovella a 90° - Cross-plane vs flat-plane

Il grasso dielettrico, cos'è e perché è così importante?