2008 Ford Mustang FR500S

Questa Ford Mustang venne realizzata per partecipare al campionato Ford Racing Mustang Challenge for the Miller Cup in collaborazione con BFGoodrich. Il Ford Racing Mustang Challenge for the Miller Cup fu un campionato dedicato alle Ford Mustang GT modificate direttamente dal costruttore. Chiunque, al tempo, avrebbe potuto acquistare una vettura di questo genere.

2008 Ford Mustang FR500S

A prescindere da ciò che fu il campionato vero e proprio, sono interessanti le modifiche che Ford utilizzò per migliorare le prestazioni della vettura. Chi fosse stato interessato all'acquisto di questo mezzo, avrebbe dovuto sborsare $75.000 di allora. 

La vettura non fu altro che una Ford Mustang GT modificata con componenti e soluzioni che ne migliorarono le prestazioni. 

Il motore venne portato ad una potenza massima di 325 HP, scelta obbligata per mantenere bassi i costi. Il propulsore fu preparato con una mappatura Ford appositamente studiata e pensata per lavorare di concerto con il sistema di aspirazione diretta (quello che gli americani chiamano cold-air-intake system), con i collettori di scarico tipo long-tube headers e con il sistema di scarico tipo cross-pipe. Tutti i componenti vennero scelti dal catalogo di FRPP, Ford Racing Performance Parts.

2008 Ford Mustang FR500S

Per la certificazione del valore di potenza massima, fondamentale fu il contributo della Roush Industries che si occupò per l'appunto di convalidarne il valore. Lo scarto massimo ammesso dal regolamento fu di 4,5 HP

Interessante fu anche la dotazione in termini di trasmissione. Sulle Ford Mustang FR500S, infatti, venne montato il cambio Tremec T6060 utilizzato sulla Shelby Mustang Cobra GT500 del periodo, mentre il retrotreno venne preso a prestito direttamente dalla versione Ford Mustang Bullitt al tempo commercializzata. 

Su quest'ultima, aspetto di notevole importanza, veniva montato di serie un ring-and-pinion (pignone e corona, ovvero il differenziale) con rapporto di 3,73:1. Questo rapporto finale più corto, che venne utilizzato quindi sulla Ford Mustang FR500S, rese la vettura ancora più aggressiva in termini di accelerazione rispetto alla Ford Mustang GT di serie che in quel periodo veniva venduta dalle concessionarie Ford negli Stati Uniti.

Per la scocca, vennero ereditati numerosi elementi dalla Ford Mustang FR500C. L'intero body venne verniciato esternamente ed internamente. Tutti i materiali fonoassorbenti, così come i pannelli portiera, i tappetini e la moquette vennero eliminati, per ottenere un prezioso risparmio di peso.

Ford Mustang FR500C numero 55 della Multimatic condotta dai piloti David Emprinham e Scott Maxwell alla Grand Am Cup del 2005 che si svolse a Daytona in Florida.
Nell'immagine qui sopra, la Ford Mustang FR500C numero 55 della Multimatic condotta dai piloti David Emprinham e Scott Maxwell alla Grand Am Cup del 2005 che si svolse a Daytona in Florida.

Sul fronte delle sospensioni, fecero la comparsa anche elementi specificamente tarati per la Ford Mustang FR500S come, per esempio, le barre antirollio e le molle. Gli ammortizzatori, invece, furono di produzione Sachs e di tipo regolabile. 

Per quanto riguarda i freni, le provenienza dei singoli componenti fu differente. Per quelli anteriori, vennero utilizzati gli elementi Brembo, che avevano trovato posto anche sulla Ford Mustang FR500C, ovvero pinze a quattro pompanti che lavoravano su dischi di 14". Posteriormente, invece, vennero scelti i freni utilizzati sulla Shelby Mustang Cobra GT500

La vettura venne costruita nello stabilimento AutoAlliance International situato a Flat Rock nel Michigan e, come sarà noto ad alcuni, si trattò dello stesso sito costruttivo in cui vennero assemblate anche le Mazda6 del tempo. 

L'assemblaggio di questa vettura richiese lo sviluppo di una catena di montaggio separata, che per l'occasione venne sistemata nel Material Sequencing Center, uno spazio praticamente adiacente allo stabilimento principale. Questo fu anche il luogo dove vennero assemblate le Ford Mustang sperimentali

Quando il lavoro di assemblaggio nello stabilimento della AutoAlliance terminava, la vettura veniva spedita alla Watson Engineering che si occupava di aggiornare ulteriormente la scocca montando, per esempio, la gabbia interna per la protezione in caso di urto o ribaltamento. 

La fase finale di preparazione della vettura avvenne nello Utah, uno dei quattro stati del famoso e bellissimo SouthWest americano. Alla Miller Motorsports Park in Tooele, venivano installati i sedili Sparco e qualche altro elemento di completamento del sistema elettronico per l'acquisizione dei dati, oltre che alcuni componenti di sicurezza della vettura. 

Nell'immagine qui sotto vedete alcune vetture pronte che vennero schierate presso il Mille Motorsports Park.

2008 Ford Mustang FR500S

Archivio immagini: Ford

Commenti

Articoli popolari

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

Il grado termico di una candela e i parametri del motore legati ad esso

Ecco come riconoscere il malfunzionamento della valvola EGR

Continental PremiumContact 6 e CrossContact RX per Kia EV6

OSRAM LEDriving EASY, LEDriving BRIGHT e LEDriving INTENSE

Motori V-8: albero motore piatto vs albero motore con perni di manovella a 90° - Cross-plane vs flat-plane

Renault 5 GT Turbo: preparazione by CandelaSport

Motore Ford V-8 5.0 litri: nome in codice Coyote

2020 Toyota GR Yaris, tre versioni sportive all'insegna del piacere di guida: RZ, RS e RC

Il funzionamento della valvola by-pass o blowby nei motori turbo, spesso definita anche valvola pop-off