Mercedes-Benz VISION EQXX

Mercedes-Benz VISION EQXX, lungo le strade d'Europa, ha dimostrato la sua straordinaria autonomia ed efficienza. Viaggiando da Sindelfingen attraverso le Alpi svizzere e l'Italia settentrionale, fino alla destinazione Cassis sulla Costa Azzurra, ha percorso più di 1.000 km nel traffico quotidiano, con una sola carica della batteria. Il viaggio è iniziato in condizioni di freddo e di pioggia, a velocità stradali regolari, compreso un tratto sull'autobahn tedesca in corsia preferenziale fino a 140 km/h e poco sotto al limite di velocità in altri tratti. Lo stato di carica della batteria all'arrivo era pari a circa il 15%, pari a un'autonomia residua di circa 140 km, e il consumo medio da record è stato di 8,7 kWh/100 km.

Mercedes-Benz VISION EQXX

La Mercedes-Benz VISION EQXX ha portato l'efficienza dei veicoli elettrici a un livello completamente nuovo, in condizioni reali e con prove indipendenti. Il long run è stato completato con la presa di ricarica sigillata e accompagnato da un esperto indipendente dell'ente di certificazione TÜV Süd

Questo conferma ufficialmente l'efficacia del nuovo approccio di sviluppo Mercedes-Benz: pensare in modo olistico all'efficienza, dalla trasmissione all'aerodinamica e oltre, fino al più piccolo dettaglio, lavorando con una collaborazione interfunzionale ancora maggiore e con partner esterni. Questo nuovo modello di ingegneria automobilistica ha fornito un inedito punto di riferimento per l'efficienza e l'autonomia dei veicoli elettrici, e la tecnologia della Mercedes-Benz VISION EQXX sarà impiegata nei prossimi veicoli Mercedes di serie.

Mercedes-Benz VISION EQXX

Mercedes-Benz VISION EQXX

Mercedes-Benz VISION EQXX

Mercedes-Benz VISION EQXX

Mercedes-Benz VISION EQXX

"Ce l'abbiamo fatta! Più di 1.000 km con una sola carica della batteria e un consumo di soli 8,7 kWh/100 km in condizioni di traffico reale. La Mercedes-Benz VISION EQXX è la Mercedes più efficiente mai costruita. Il programma tecnologico che ne è alla base segna una pietra miliare nello sviluppo dei veicoli elettrici. È un pilastro del nostro obiettivo strategico di Lead in Electric", ha dichiarato Ola Källenius, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Mercedes-Benz Group AG.

"Con il nostro viaggio fin nel sud della Francia, abbiamo dimostrato che l'efficienza è la nuova moneta. E questo successo parla anche chiaramente del nostro nuovo processo di sviluppo collaborativo, che incorpora molti del know how acquisito dal team Mercedes-AMG F1 e la sua esperienza all'avanguardia nei propulsori elettrici. La Mercedes-Benz VISION EQXX è il risultato di un programma completo che fornisce un modello per il futuro dell'ingegneria automobilistica. Molti degli innovativi sviluppi sono già integrati nella produzione, alcuni dei quali nella prossima generazione di architettura modulare per veicoli compatti e medi di Mercedes‑Benz. E il viaggio prosegue. Con la Mercedes-Benz VISION EQXX continueremo a testare i limiti del possibile", ha dichiarato Markus Schäfer, membro del Consiglio di Amministrazione di Mercedes-Benz Group AG, Chief Technology Officer Responsabile per lo Sviluppo e gli Acquisti.

Questa research car definita dal software fa parte di un programma tecnologico di vasta portata che combina la più recente tecnologia digitale con lo spirito pionieristico di Mercedes, l'agilità di una start-up e la velocità della Formula 1. La missione nello sviluppo della Mercedes-Benz VISION EQXX era di rompere le barriere tecnologiche su tutta la linea. Per mostrare ciò che è elettricamente fattibile, il veicolo di ricerca ha completato un viaggio su strada in un solo giorno, attraverso diversi confini europei: dalla Germania alla Svizzera, poi in Italia, passando per Milano e, infine, alla sua destinazione, la città portuale di Cassis vicino a Marsiglia nel sud della Francia.

Il profilo del percorso, dall'autostrada ai passi di montagna, compresi i lavori stradali, e le condizioni meteorologiche hanno offerto alla Mercedes-Benz VISION EQXX una grande varietà di sfide. Partendo dal centro di ricerca e sviluppo di Sindelfingen, vicino a Stoccarda, in condizioni di freddo, le temperature dall'inizio alla fine variavano da 3 °C a 18 °C. A nord delle Alpi c'era una leggera pioggia e più a sud un leggero vento contrario soffiava sotto il sole. Le varie sezioni del percorso hanno aiutato a documentare l'effetto delle numerose misure di efficienza.

Il primo tratto da Sindelfingen al confine nord-orientale della Svizzera si snoda lungo l'Autobahn 81. A volte la Mercedes-Benz VISION EQXX ha tagliato il vento a velocità fino a 140 km/h. Il basso valore del Cx, pari a 0,17, ha sicuramente giocato un ruolo strategico. Questo valore, che è il migliore al mondo per un veicolo stradale, è il risultato dell'interazione intelligente di molte misure individuali. Si comincia con la forma di base della carrozzeria, dal padiglione del tetto che scorre elegantemente come una goccia d'acqua verso la parte posteriore. Altrettanto positive per l'aerodinamica, sono la piccola superficie frontale di 2,12 m² e la carreggiata posteriore ridotta. Poiché questa è più stretta di 50 mm rispetto alla parte anteriore, le ruote posteriori rotolano nella scia di quelle anteriori. Il diffusore posteriore attivo, che si dispiega automaticamente a 60 km/h, fornisce un migliore flusso d'aria e quindi contribuisce significativamente alla riduzione della resistenza aerodinamica.

Mercedes-Benz VISION EQXX

La research car ottiene ulteriori vantaggi in termini di efficienza dai suoi pneumatici, con una resistenza al rotolamento estremamente bassa che raggiunge i 4,7 kg/t

Bridgestone li ha sviluppati appositamente per Mercedes-Benz VISION EQXX in collaborazione con Mercedes-Benz. A titolo di paragone, l'attuale etichetta europea dei pneumatici richiede un valore di 6,5 kg/t per la massima classificazione in Classe A. Con Mercedes-Benz VISION EQXX, Mercedes-Benz fa un ulteriore passo avanti. Una caratteristica sorprendente è la dimensione dei nuovi pneumatici: 185/65 R20 97T, un grande diametro e un battistrada stretto. Gli speciali pneumatici Bridgestone Turanza Eco combinano due innovative tecnologie Bridgestone che consentono una maggiore autonomia: La tecnologia ENLITEN riduce sia la resistenza al rotolamento, sia il peso fino al 20%. La tecnologia Ologic riduce la deformazione del pneumatico durante la guida, in parte grazie a una sezione della cintura più tesa. Il passaggio dal pneumatico al cerchio della ruota è stato ottimizzato in collaborazione con il team di aerodinamica di Mercedes-Benz.

Le caratteristiche speciali di Mercedes-Benz VISION EQXX includono anche la sua costruzione leggera, attentamente studiata, che ha un effetto particolarmente positivo lungo le salite. Ogni ciclista appassionato sa perché nelle tappe di montagna c'è sempre lo stesso tipo di corridore davanti. I velocisti più pesanti e muscolosi fissano sempre i fanalini di coda dei pesi piuma magri sulle salite. Il fattore decisivo è il rapporto potenza-peso.

Mercedes-Benz VISION EQXX - Il concetto di riduzione della massa è stato applicato a numerosi componenti come, per esempio, alle molle realizzate in plastica rinforzata con fibra di vetro.
Qui sopra, ecco un esempio di quanto detto a proposito del peso. Il concetto di riduzione della massa è stato applicato a numerosi componenti come, per esempio, alle molle realizzate in plastica rinforzata con fibra di vetro. 

Questo è esattamente ciò che Mercedes-Benz VISION EQXX ha dimostrato in modo impressionante nell'avvicinamento al tunnel del Gottardo in direzione dell'Italia. Nel tratto tra Amsteg e Göschenen, è presente una salita di circa 14 km con una pendenza che raggiunge in alcuni punti anche il 5%. È qui, dove ogni grammo di peso in più consuma energia, che Mercedes-Benz VISION EQXX segna punti di sostenibilità con il suo peso a vuoto di soli 1.755 kg.

Il concetto di light design di Mercedes-Benz VISION EQXX è a tutto tondo, dai materiali utilizzati alle innovative strutture bioniche che offrono un favorevole rapporto potenza-peso. Esempi di ciò sono il materiale composito sostenibile in fibra di carbonio-zucchero utilizzato per la parte superiore della batteria, utilizzato anche in Formula 1, e il pavimento posteriore BIONEQXXTM, realizzato con un processo di fusione dell'alluminio. Il componente strutturale in metallo leggero sostituisce un assemblaggio molto più pesante di diverse parti interconnesse. Ha degli spazi vuoti nei punti in cui la resistenza strutturale non è richiesta, risparmiando così materiale. Questo innovativo approccio progettuale si traduce in un risparmio di peso fino al 20% rispetto a un componente fabbricato in modo convenzionale.

Mercedes-Benz VISION EQXX

Mercedes-Benz VISION EQXX

Gran parte dell'efficienza del peso è dovuta anche al telaio elettrico dedicato con sottotelaio leggero F1 e dischi freno in lega di alluminio. Un'altra è la batteria. Con 100 kWh, l'unità di immagazzinamento dell'energia sviluppata appositamente per Mercedes-Benz VISION EQXX ha quasi la stessa quantità di energia della batteria della Mercedes-Benz EQS, che è già un punto di riferimento globale tra le auto elettriche attualmente sul mercato. Tuttavia, ha il 50% di volume in meno ed è il 30% più leggera. Il risultato è che la batteria compatta, che misura solo 200 cm x 126 cm x 11 cm, è anche relativamente leggera con i suoi 495 kg e si adatta a un'auto compatta. L'azionamento elettrico è stato sviluppato in collaborazione con gli esperti del Mercedes-AMG Petronas F1 Team.

Mercedes-Benz VISION EQXX - Pacco batterie

Dopo il tunnel del Gottardo, la strada scende per un lungo tratto. È qui che Mercedes-Benz VISION EQXX sfrutta la situazione a suo vantaggio. Mentre la regola d'oro del ciclista professionista è quella di andare a tutto gas in discesa per recuperare tempo, Mercedes-Benz VISION EQXX fa l'impensabile e rigenera le sue riserve di energia. Nelle auto elettriche, questo si chiama recupero, il recupero dell'energia di frenata. Anche in questa disciplina, Mercedes-Benz VISION EQXX stabilisce nuovi standard grazie alla sua efficientissima trasmissione elettrica.

Mercedes-Benz VISION EQXX

Mercedes-Benz VISION EQXX può utilizzare l'effetto di recupero su qualsiasi tipo di pendenza e durante ogni manovra di frenata, estendendo così la sua autonomia. Un ulteriore effetto positivo di questa frenata elettrica è che i freni meccanici sono poco utilizzati. Ciò rende possibile per la prima volta l'utilizzo di nuovi tipi di dischi freno in lega di alluminio che pesano molto meno dei loro omologhi in acciaio.

Mercedes-Benz VISION EQXX fa un abbondante spuntino energetico verso mezzogiorno nella pianura padana vicino a Milano, non alla stazione di ricarica, ma attraverso il suo tetto solare fisso. Le 117 celle solari alimentano la batteria da 12 volt, che fornisce energia alle utenze ausiliarie come il sistema di navigazione. Il valore aggiunto è misurabile attraverso il carico che questo rimuove dalla batteria ad alta tensione, visualizzato dal computer di bordo. Complessivamente, il booster solare aumenta l'autonomia di oltre il 2%, il che equivale a ben 25 km su un viaggio di oltre 1.000 km.

Mercedes-Benz VISION EQXX - Tetto solare

L'unità di azionamento elettrico di Mercedes-Benz VISION EQXX, composta da motore elettrico, trasmissione ed elettronica di potenza, è stata sviluppata insieme agli specialisti di F1 di HPP e ha una potenza di picco di 180 kW.

Gli ingegneri di Mercedes-Benz, poi, sono riusciti a ridurre le perdite totali nella trasmissione (motore, inverter e trasmissione) del 44% rispetto a una guida elettrica che non è basata su questo progetto. Questo fa una grande differenza per la linea di fondo, con l'1% di efficienza in più che porta il 2% in più di autonomia. Questo effetto è ulteriormente amplificato dalla batteria di Mercedes-Benz VISION EQXX, grazie alla sua notevole densità di energia di quasi 400 Wh/l e alla tensione operativa particolarmente elevata di oltre 900 volt.

Archivio immagini: Mercedes-Benz

Commenti

Articoli popolari

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

USAG, il giravite elettrico 324 XP

Auto presidenziali russe: le nuove Aurus

2020 Ford Puma Titanium X 1.0 Ecoboost Hybrid 125 CV, il meglio di ogni mondo

Il grado termico di una candela e i parametri del motore legati ad esso

Formula Italia, a 50 anni dall'esordio

Il funzionamento della valvola by-pass o blowby nei motori turbo, spesso definita anche valvola pop-off

Porsche 911 Sport Classic

Abarth 695 Tributo 131 Rally

Post-Industrial Recycled (PIR) TPE per la realizzazione degli interni nel settore automobilistico