Anomalya, la supercar della Sly Garage Factory

A Capannori, nel cuore della Toscana, dalla lunga esperienza di Sly Garage è nata Anomalya, la prima supercar made in Italy che verrà presentata in grande stile al Grand Hotel Des Anglais di Sanremo nella settimana del festival della canzone italiana. Stanno per accendersi le luci sulla settimana di eventi organizzati da ShowEvent al Grand Hotel Des Anglais di Sanremo in occasione del Festival della Canzone Italiana e uno dei momenti più elettrizzanti sarà sicuramente la presentazione di Anomalya, la prima supercar 100% italiana che sarà ammirabile presso l’ingresso della struttura.

Anomalya, la supercar della Sly Garage Factory

Anomalya nasce da un’idea trentennale di Sly Soldano e maturata quattro anni fa nella sua straordinaria Sly Garage Factory. In questa realtà di Capannori, vicino Lucca, lavora quotidianamente con vetture di alto calibro e nomi molto importanti quali Ferrari, Porsche, Bentley.

Queste le parole di Sly Soldano: "Le supercar di oggi, anche se papabili a chiunque abbia il potere economico per acquistarne una, tutte, e ripeto tutte, hanno rinunciato al loro carattere particolare ed elitario, dove per elitario intendo non alla portata di tutti, per deviare verso un carattere molto più tenue e facile da gestire, rendendo, di fatto, questi bolidi di acciaio talmente evoluti da rendere il driver stesso poco più di un trasportato. Le supercar sfruttano tutta la tecnologia elettronica abbinata al massimo delle conoscenze tecniche in termini di meccanica, per far si che la vettura dia il massimo assoluto nel tempo sul giro all’interno di un circuito. Anomalya nasce dall’esigenza di creare una supercar che riscopra la vera essenza di supercar, che non si identifica nell’apparire, sebbene nell’essere. Una supercar costruita su misura per i gentlemen driver e per il loro divertimento. In essa sono racchiusi venticinque anni di esperienza, tre anni e mezzo di lavoro e tutto ciò che la tecnologia moderna ci ha dato per migliorare la stabilità, l'handling e il piacere di guida più in generale, ma senza alcun tipo di filtro o bugia. Il peso della vettura è di 1.080 kg, la sua velocità massima è di 270 km/h, mentre l'accelerazione da 0 km/h a 100 km/h viene coperta in soli 4,4 s. Il piacere di guida è incommensurabile e difficilmente sintetizzabile in qualcosa di scritto".

Anomalya è la riscoperta del piacere di guida delle supercar degli anni '90, a cui è stata abbinata una tecnica raffinata, oltre a materiali e tecnologia di ultimissima generazione. Anomalya è, come dice il nome stesso, un’auto anomala, ovvero non conforme agli stereotipi che tutti conosciamo molto bene. Ad accompagnarci sono sempre le parole di Sly Soldano: "Anomalya è la donna sbagliata di cui ti innamori, consapevole che non sia la donna giusta, ma anche consapevole del fatto che non potrai più farne a meno. Anomalya non è una macchina, Anomalya è un’auto. Anomalya è l’auto, se per auto, come nel suo caso, si intende la massima espressione di giocattolo per adulti che la nostra mente estrosa, per non dire altro, è riuscita a trasformare da sogno in realtà. L’appuntamento è al Grand Hotel Des Anglais di Sanremo per scoprirla".

Anomalya, la supercar della Sly Garage Factory

Anomalya, la supercar della Sly Garage Factory

Anomalya, la supercar della Sly Garage Factory

Archivio immagini: Sly Garage Factory

Commenti

Articoli popolari

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

Goodyear, il pneumatico con il 70% di materiali a ridotto impatto ambientale

1972 Opel Rekord Diesel, sono già passati 50 anni

Audi, la seconda vita delle batterie

Motori V-8: albero motore piatto vs albero motore con perni di manovella a 90° - Cross-plane vs flat-plane

Renault 5 GT Turbo: preparazione by CandelaSport

Continental UltraContact, il pneumatico estivo ad elevata tecnologia

2021 Audi Q3 e Audi Q3 Sportback sono disponibili con nuovi allestimenti

2020 Toyota GR Yaris, tre versioni sportive all'insegna del piacere di guida: RZ, RS e RC

Toyota GR GT3 Concept, Toyota GRMN Yaris e Toyota bZ4X GR SPORT Concept