Volkswagen Golf, ottimizzazione del sistema di infotainment

Più veloce, più potente e più stabile: Volkswagen ottimizza l’infotainment della Volkswagen Golf. Il nuovo software e il nuovo hardware migliorano un’ampia gamma di funzioni. In particolare, i comandi vocali ora rispondono fino a quattro volte più rapidamente, con prestazioni di livello superiore. Molte segnalazioni dei clienti sono state prese in considerazione per realizzare questo progresso nello sviluppo.

Volkswagen Golf, ottimizzazione del sistema di infotainment

"Questo consistente aggiornamento dell’infotainment sottolinea il primato della Volkswagen Golf nel segmento compatto", ha dichiarato Thomas Ulbrich, Membro del Consiglio di Amministrazione della Marca Volkswagen Responsabile dello Sviluppo. "I progressi in termini di comfort di utilizzo e prestazioni forniscono ai nostri clienti un elevato livello di qualità".

Questo importante aggiornamento rappresenta un notevole passo avanti per l’infotainment della Volkswagen Golf. I clienti percepiranno immediatamente i benefici sin dall’avvio del sistema: il controllo vocale e la navigazione saranno disponibili molto più rapidamente di prima. La funzione più avanzata è costituita dai comandi vocali: "Ciao Volkswagen" è la frase per avviare il cosiddetto Natural Voice Control. Questo sistema è anche in grado di comprendere frasi a formulazione libera della vita quotidiana come "Ho freddo" oppure "Dove posso trovare un ristorante giapponese?". 

Grazie ai microfoni digitali, inoltre, è anche in grado di riconoscere se a parlare sia il guidatore o il passeggero: così, per esempio, è in grado di regolare separatamente l’aria condizionata in base alla provenienza della richiesta. Questo sistema ottimizzato è anche capace di porre domande e permette le interruzioni. I comandi vocali migliorati consentono ai clienti di gestire l’intrattenimento, la navigazione, il telefono e il climatizzatore. Il livello di comprensione è aumentato in modo significativo e ha raggiunto ora circa il 95%. Il nuovo software, inoltre, ha ridotto il numero di interfacce, così da rendere più semplice in futuro l’integrazione di funzioni intelligenti online quali le previsioni del tempo.

Le risposte ai comandi vocali arrivano da due fonti: il cloud e le informazioni disponibili offline nell’auto. Il funzionamento online migliora il riconoscimento e la qualità dei risultati, mentre quello offline è disponibile anche laddove non ci sia copertura telefonica come, per esempio, nei parcheggi sotterranei. In entrambi i casi, ora le risposte e reazioni sono fino a quattro volte più veloci di prima. Ci vogliono meno di cinque decimi di secondo per processare una richiesta online sul server e la risposta arriva all’auto in meno di un secondo. Se i clienti lo desiderano, possono anche terminare la richiesta o il comando toccando il display, dove i menu rilevanti saranno già apparsi.

Un’altra area in cui l’infotainment di bordo è migliorato è il touchscreen. Quando le dita dell’utente si avvicinano a pochi centimetri dallo schermo, i controlli intorno al pulsante del lampeggio di emergenza vengono bloccati. Non appena le dita toccano lo schermo, il blocco si estende ai comandi per volume e temperatura. Ciò rende l’attivazione involontaria dei controlli al di sotto dello schermo pressoché impossibile. Il funzionamento dello schermo capacitivo rimane invariato: un tocco leggero è sufficiente per attivare l’opzione desiderata. Inoltre, il sensore di prossimità a infrarossi migliora il comando gestuale dalla distanza di alcuni centimetri.

L’aggiornamento dell’infotainment della Volkswagen Golf è basato sulla piattaforma modulare MIB3, che ha ricevuto numerosi miglioramenti. Le ottimizzazioni del software ora sono ancora più focalizzate sugli utilizzi tipici dei clienti e il sistema originale è stato notevolmente compresso per questo. L’obiettivo è la riduzione del carico di base del sistema, che quindi permette ora prestazioni migliori per i programmi e le funzioni. 

Sul fronte dell’hardware, la MIB3 ora dispone di un System on Chip (SoC) più potente. La sua CPU (Central Processing Unit) ha quattro core, oltre alla scheda grafica e il processore di segnale digitale (DSP, Digital Signal Processor) per l’audio. Il nuovo chip offre circa il 25% in più di potenza di calcolo, mentre la scheda grafica ha triplicato le prestazioni. Per il cliente, questo significa in essenza una risposta più rapida: per il tipico inserimento di una destinazione nel navigatore, la lista di risultati è disponibile in meno di cinque secondi, un tempo molto più breve di prima. 

L’anno prossimo, anche le vetture che sono già state consegnate si avvantaggeranno del nuovo software. Volkswagen avvierà una campagna attiva e volontaria, in cui informerà i clienti della disponibilità di un aggiornamento software e del processo con cui eseguirlo. Integrare i giudizi degli utenti nel processo di sviluppo dei prodotti e dei servizi sta diventando un punto di forza fondamentale nella soddisfazione del cliente. Con la strategia ACCELERATE, Volkswagen ascolta sempre di più le necessità dei clienti nel dare forma ai propri processi, dalle prime fasi di sviluppo fino all’offerta di servizi digitali o alle visite presso i concessionari. 

Archivio immagini: Volkswagen

Commenti

Articoli popolari

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

Goodyear, il pneumatico con il 70% di materiali a ridotto impatto ambientale

1972 Opel Rekord Diesel, sono già passati 50 anni

Audi, la seconda vita delle batterie

Motori V-8: albero motore piatto vs albero motore con perni di manovella a 90° - Cross-plane vs flat-plane

Renault 5 GT Turbo: preparazione by CandelaSport

Continental UltraContact, il pneumatico estivo ad elevata tecnologia

2021 Audi Q3 e Audi Q3 Sportback sono disponibili con nuovi allestimenti

2020 Toyota GR Yaris, tre versioni sportive all'insegna del piacere di guida: RZ, RS e RC

Toyota GR GT3 Concept, Toyota GRMN Yaris e Toyota bZ4X GR SPORT Concept