Audi R8 V10 performance RWD, note tecniche sul telaio

Lo schema delle sospensioni a doppio braccio triangolare in lega di alluminio, la ripartizione dei pesi 40:60 tra assale anteriore e posteriore, il differenziale autobloccante meccanico, così come la disponibilità dell’assetto sportivo performance con barra antirollio anteriore in alluminio e carbonio misto a poliuretano termoplastico (CFRP), confermano il DNA racing della vettura, mentre lo sterzo elettromeccanico, di serie e tarato appositamente per l’abbinamento alle 2WD, vede la servoassistenza variare in funzione dell’andatura e del setup selezionato mediante l’Audi drive select. Quest’ultimo, fornito di serie, utilizza i programmi auto, comfort, dynamic e individual. Lo sterzo dinamico, per la prima volta disponibile per Audi R8 RWD, adatta il rapporto di trasmissione in funzione della velocità di marcia: in manovra è molto diretto, mentre ad alta velocità spicca per rigore e stabilità.

Audi R8 V10 performance RWD, note tecniche sul telaio

Audi R8 V10 performance RWD, note tecniche sul telaio

Audi R8 V10 performance RWD, note tecniche sul telaio

La taratura specifica dell’assetto e dell’elettronica, sviluppata in funzione della trazione posteriore, è garanzia di uno straordinario divertimento di guida. Sono possibili drift controllati qualora il conducente selezioni il programma dynamic del sistema Audi drive select e attivi la modalità sportiva dell’ESC. Al raggiungimento del limite, il controllo elettronico della stabilità interviene in modo tale da ripristinare le condizioni di sicurezza ottimali. 

Audi R8 V10 performance RWD è dotata di cerchi in lega di 19" (di serie) o 20" (optional). A richiesta sono disponibili pneumatici di derivazione racing nei dimensionamenti 245/30 R20 all’avantreno e 305/30 R20 al retrotreno. 

L’impianto frenante si avvale di dischi in acciaio autoventilanti e forati dal profilo a onda (design wave). Perni in acciaio inox li collegano alle tazze in alluminio e impediscono la trasmissione dei picchi di temperatura. 

All’avantreno operano pinze fisse a otto pistoncini e superfici d’attrito con diametro di 380 mm, mentre al retrotreno agiscono pinze a quattro pompanti con dischi di 356 mm. A richiesta sono disponibili, per la prima volta per Audi R8 RWD, dischi carboceramici anteriori da 380 mm e posteriori di 356 mm, con pinze specifiche rispettivamente a 6 e 4 pistoncini.

Archivio immagini: Audi

Commenti

Articoli popolari

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

Goodyear, il pneumatico con il 70% di materiali a ridotto impatto ambientale

1972 Opel Rekord Diesel, sono già passati 50 anni

Audi, la seconda vita delle batterie

Motori V-8: albero motore piatto vs albero motore con perni di manovella a 90° - Cross-plane vs flat-plane

Renault 5 GT Turbo: preparazione by CandelaSport

Continental UltraContact, il pneumatico estivo ad elevata tecnologia

2021 Audi Q3 e Audi Q3 Sportback sono disponibili con nuovi allestimenti

2020 Toyota GR Yaris, tre versioni sportive all'insegna del piacere di guida: RZ, RS e RC

Toyota GR GT3 Concept, Toyota GRMN Yaris e Toyota bZ4X GR SPORT Concept