Audi RS Q e-tron, telaio tubolare e cellula di sicurezza in CFRP (carbonio misto a poliuretano termoplastico)

Sin dagli albori del progetto Dakar, il team d’ingegneri Audi è impegnato nel garantire la sicurezza degli equipaggi e l’integrità di Audi RS Q e-tron in qualsiasi condizione. Grazie alla combinazione di acciai altoresistenziali di derivazione aerospaziale, alluminio, Kevlar e materiali in fibre composite, il prototipo elettrico particolarmente avanzato con range extender è in grado di affrontare le straordinarie sollecitazioni caratteristiche del rally raid più difficile al mondo.




La cellula abitacolo e la struttura portante di Audi RS Q e-tron sono costituite da un telaio a traliccio in tubi che, per regolamento, deve essere in metallo. Audi ha optato per l’acciaio altoresistenziale formato a caldo, di derivazione aerospaziale, legato con elementi al cromo, molibdeno e vanadio (CrMoV). Il telaio tubolare così ottenuto, conforme alle geometrie stabilite per regolamento, soddisfa le prove statiche di compressione e impatto per la categoria T1

Audi protegge, inoltre, i propri equipaggi mediante pannelli in CFRP, carbonio misto a poliuretano termoplastico, inseriti negli interstizi del telaio stesso e integrati in molteplici punti dallo Zylon: un polimero termoindurente che impedisce la penetrazione di oggetti appuntiti e taglienti e, al tempo stesso, scherma pilota e navigatore dal sistema ad alta tensione. 

"La struttura del telaio attinge a tecnologie e soluzioni che abbiamo affinato per decenni in molteplici discipline", ha affermato Axel Löffler, Chief Designer Audi RS Q e-tron. "Spaziando dal tubolare del DTM (adottato dal 2004 al 2011) al frame in lamiera d'acciaio per il rallycross (dal 2017 al 2018) sino alle monoscocche in CFRP per i prototipi LMP (dal 1999 al 2016), passando per le più recenti vetture del DTM (dal 2012 al 2020) e le monoposto di Formula E (dal 2017 al 2021), nessun altro costruttore si è cimentato in programmi sportivi così differenziati e di vertice". 

Oltre che per il telaio, Audi attinge al proprio know-how nel Motorsport per la realizzazione della carrozzeria che, in funzione dei componenti, è in CFRP, Kevlar o un mix dei due materiali, in alcuni casi con struttura alveolare.


Il parabrezza, di derivazione Audi A4, è in vetro laminato con uno speciale trattamento antigraffio, mentre i cristalli laterali sono in policarbonato, a vantaggio della leggerezza. Gli equipaggi possono contare su di un’ampia visuale. Gli accoppiamenti tra le superfici vetrate e i pannelli carrozzeria sono sigillati mediante uno strato di materiale espanso per il contenimento della polvere. 

I sedili di Audi RS Q e-tron sono realizzati in CFRP e s’ispirano alle sedute utilizzate nel DTM e nell’endurance. L’unica differenza è costituita dalla sezione a deformazione controllata nella zona delle spalle, imposta dal regolamento. La struttura a guscio è identica per tutti i piloti, mentre sono totalmente su misura le imbottiture in spugna ad alta densità e i cuscini pneumatici. 

Il sistema ad alta tensione richiede un alto livello di protezione. La batteria ad alto voltaggio, collocata centralmente, è incapsulata in un case in CFRP e Zylon. Il sottoscocca, che nei rally raid è sottoposto a shock straordinari, è schermato mediante una struttura complessa: alla piastra esterna in alluminio si accompagna uno strato di schiuma espansa ad alto assorbimento e, a ulteriore difesa dell’accumulatore e del serbatoio della benzina, una struttura a sandwich in CFRP. Quest’ultima da un lato è chiamata a dissipare l’energia da contatto propagatasi attraverso la piastra e la schiuma, dall’altro, superata una soglia critica, è progettata per deformarsi in modo controllato per proteggere l’accumulatore. L’intero gruppo piastra, dello spessore di 54 mm, è rapidamente sostituibile durante i service a fine tappa. 

La tripla protezione del sottoscocca è un retaggio dell’esperienza nel mondiale WEC e conferma come la Dakar costituisca la sintesi dei due mondi che rappresentano i pilastri della storia sportiva Audi: l’endurance e i rally. A tal proposito, Axel Löffler ha affermato: "Sebbene circuito e deserto siano apparentemente agli antipodi, sussistono molteplici parallelismi tra endurance e Dakar, ad esempio nei carichi cui è sottoposto il telaio e nelle forze g rilevate". 

A completamento del concept di protezione del sistema ad alto voltaggio di Audi RS Q e-tron, la Casa dei quattro anelli adotta un monitor ISO, di derivazione LMP (Le Mans Prototype), per tenere sotto controllo eventuali sbalzi di tensione. Qualora si verifichi un incidente e venga rilevato un carico dinamico in grado di superare la soglia, l’intero sistema si spegne. Contemporaneamente, un segnale acustico e alcune spie lungo la carrozzeria comunicano ai soccorritori lo stato di pericolo. 

Sebbene la Dakar si sviluppi prevalentemente in ambito desertico, il powertrain è schermato dall’acqua, specie in caso di guado. E qualora si sviluppi un incendio, il sistema d’estinzione si avvale di un agente elettricamente inerte. 

Il team, inclusi piloti e navigatori, si è sottoposto a meticolose sessioni d’addestramento per la gestione dell’alta tensione. Le dinamiche d’intervento sono state condivise con le squadre di soccorso dell’organizzazione. Quest’ultima mette a disposizione di tutti i partecipanti alla Dakar un sistema SOS automatico che prevede il tracciamento satellitare dei veicoli, una telecamera in abitacolo, così da verificare in tempo reale cosa avviene a bordo, e una scatola nera per ricostruire e analizzare l’accaduto. 

Il dispositivo Sentinel, obbligatorio per ogni mezzo schierato al via del rally raid, avverte qualora sopraggiunga alle spalle un altro veicolo, favorendo la sicurezza nei sorpassi indipendentemente dalla nube di polvere. Infine, il regolamento limita a 170 km/h la velocità massima dei prototipi di categoria T1

Grazie a questo approccio olistico, Audi conferma il proprio ruolo di pioniere della sicurezza anche in ambito Motorsport. I piloti ufficiali Stéphane Peterhansel, Carlos Sainz e Mattias Ekström, così come i navigatori Edouard Boulanger, Lucas Cruz e Emil Bergqvist, troveranno in Audi RS Q e-tron non solo il prototipo più avveniristico mai realizzato per i rally raid, ma anche una vettura da competizione al top per protezione e attenzione agli equipaggi. 

Archivio immagini: Audi

Commenti

Articoli popolari

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

Goodyear, il pneumatico con il 70% di materiali a ridotto impatto ambientale

1972 Opel Rekord Diesel, sono già passati 50 anni

Audi, la seconda vita delle batterie

Motori V-8: albero motore piatto vs albero motore con perni di manovella a 90° - Cross-plane vs flat-plane

Renault 5 GT Turbo: preparazione by CandelaSport

Continental UltraContact, il pneumatico estivo ad elevata tecnologia

2021 Audi Q3 e Audi Q3 Sportback sono disponibili con nuovi allestimenti

2020 Toyota GR Yaris, tre versioni sportive all'insegna del piacere di guida: RZ, RS e RC

Toyota GR GT3 Concept, Toyota GRMN Yaris e Toyota bZ4X GR SPORT Concept