Opel Vectra, nel 1996 arriva la versione Station Wagon

Prima della preferenza dei clienti verso monovolume e SUV, negli anni '80 e '90 le station wagon facevano tendenza e Opel era leader indiscussa di questo segmento del mercato europeo. Negli anni precedenti, l’immagine della station wagon aveva subito un radicale mutamento. Quella che in origine era principalmente una vettura da lavoro, era progressivamente diventata un pratico ed elegante mezzo per il tempo libero, i viaggi, gli hobby e lo sport. Una vettura spaziosa, comoda e funzionale, ma anche elegante e piacevole da guidare.

Opel Vectra, nel 1996 arriva la versione Station Wagon

Venticinque anni fa, nel 1996, Opel Astra era da tre anni la station wagon più venduta in Europa e Opel Omega SW la preferita nel suo segmento. In questo contesto, quindi, fu logico e naturale per la casa tedesca realizzare una versione station wagon della seconda generazione di Opel Vectra, il modello intermedio tra Opel Astra e Opel Omega, da inserire accanto alle Opel Vectra berlina a due e tre volumi lanciate l’anno prima, e completare al tempo stesso la sua offerta in un segmento di mercato in continua espansione.

In un certo senso, quella prima Opel Vectra Station Wagon riprendeva il concetto ispiratore della Opel Ascona Voyage del 1970, un connubio di eleganza e di spaziosità, e lo sviluppava proponendo al pubblico un'ampia scelta di versioni e di motorizzazioni (da un rivoluzionario turbodiesel a iniezione diretta con 4 valvole per cilindro ad un potente 2.5 l V-6 a benzina) abbinata ad un comfort di marcia e a una serie di equipaggiamenti che ne facevano una vettura piacevole da guidare. C'era poi un pacchetto di dotazioni di sicurezza, che comprendeva airbag full-size e pretensionatori delle cinture, che si sarebbe presto arricchito degli airbag laterali.

Quella prima Opel Vectra Station Wagon riscosse un grande successo di pubblico e quando, nel 2002, arrivò sul mercato la terza generazione di Opel Vectra anche questa fu proposta anche in versione Station Wagon. 

Portò con sé equipaggiamenti come il FlexOrganizer che permetteva di sfruttare il bagagliaio in modo versatile, sicuro ed ordinato. Il segreto di questo modo di gestire in modo flessibile il vano di carico consisteva in due guide parallele poste lungo ciascuna delle pareti del bagagliaio fino alle spalle dei sedili posteriori. Ad esse poteva essere agganciato un sistema variabile di divisori, asticelle, ganci e fermi che permetteva di creare scomparti di dimensioni differenti, adattabili a qualsiasi esigenza di trasporto

Il comfort di marcia e il comportamento su strada beneficiavano invece del passo lungo e di una nuova evoluzione del sistema IDS (Interactive Driving System) di guida interattiva che rappresentava un importante contributo alla sicurezza di guida in quanto era in grado di fare intervenire in modo selettivo fino a tre freni contemporaneamente per correggere eventuali situazioni critiche di guida.

Archivio immagini: Opel

Commenti

Articoli popolari

La storia di Jujiro Matsuda e la nascita di Mazda Motor Corporation

Il motore Toyota 2JZ-GTE, ancora oggi una leggenda

2021 Audi Q3 e Audi Q3 Sportback sono disponibili con nuovi allestimenti

I proiettori Ford, tecnologia di ultima generazione per una guida notturna sempre più sicura

2020 Ford Puma Titanium X 1.0 Ecoboost Hybrid 125 CV, il meglio di ogni mondo

Il motore General Motors Cross-Fire V-8, una storia travagliata

Ford Focus, è arrivata la nuova versione

Volkswagen Polo, una storia da raccontare

Volani a doppia massa con sistema a pendolo centrifugo

Fra-Ber lancia il nuovo shop e i corsi per la linea Innovacar dedicata al detailing